intercettazioni, pattugliamenti e niente processi contro le alte cariche

1ba0f887e658caf7ea979974ae51849d.jpgSono passati meno di tre mesi dalle scorse elezioni e già si vedono i primi danni, il governo Berlusconi non si sta smentendo e personalmente non saprei chi scegliere tra l’illustre cavaliere di Arcore e il suo predecessore il Prof. Romano Prodi.

Facendo ricerche sulla stampa estera, in particolare quella inglese, tedesca, spagnola e degli Stati Uniti emerge che le popolazioni di questi paesi pensano che se un soggetto viene eletto per tre volte presidente del Consiglio si parla di fallimento politico, Inoltre negli altri paesi almeno per quello che so, i vari premier, cancellieri e presidenti non hanno i precendenti penali della nostra classe politica.

Negli ultimi giorni poi, sono venute alla ribalta alcune controversie riguardanti il governo italiano, oltre alle già citate questioni sulle intercettazioni e sul pattugliamento delle nostre città da parte dell’esercito, il governo ha presentato il decreto che stabilisce l’impossibilità per le alte cariche dello stato di essere condannate. Questa secondo il dizionario viene chiamata legge ad personam.

Ora mi domando ma questo è un paese civile e democratico? io ho un idea ben chiara ma tuttavia non mi va di scriverla!

intercettazioni, pattugliamenti e niente processi contro le alte caricheultima modifica: 2008-06-17T16:35:00+02:00da francescopalo
Reposta per primo quest’articolo

Un pensiero su “intercettazioni, pattugliamenti e niente processi contro le alte cariche

  1. Può darsi che tu non sappia chi scegliere, ma ci hanno pensato per te gli italiani,E le ultime elezioni in Sicilia e Sardegna (ma come mai non ne parla nessuno in questa zona di senza-terra ?) lo hanno confermato.

I commenti sono chiusi.